Quartino CL: LA CRISI SFIDA PER UN CAMBIAMENTO

26/10/2011
"...quando uno comincia a suonare il pianoforte, le mani sembrano ingessate.
Ma che delizia quando l'agilità delle nostre dita permette di goderci Mozart! 
Ma noi non abbiamo la pazienza di fare questo lavoro a cui ci invita costantemente don Giussani.
Ci sembra complicato, artificioso, appunto. 
E scambiamo la ragione col sentimento, perché sembra più facile, più immediato: se lo sento, esiste; se non lo sento, non esiste.
Questa è la nostra intelligenza "logica"! 
A questo punto, ciascuno di noi deve decidere se seguire Giussani - scendendo dentro se stesso fino in fondo - nell'imparare questo uso della ragione per riconoscere le cose presenti come presenza, o se preferisce fare altro rinunciando a seguirlo.
Ma poiché non siamo abituati a fare questo percorso, preferiamo fare altro (leggere, ripetere delle frasi), invece di impegnarci per imparare a usare la ragione come lui.
E quante volte soccombiamo alla tentazione di scappare!
Per questo poi rimaniamo confusi, nell'incertezza, travolti come un sasso dalle opinioni. 
Soltanto chi segue Giussani nel percorso che ci indica potrà vedere accadere in sé quella vibrazione che ci invade quando entriamo veramente in rapporto con l'Essere; così come vediamo vibrare l'io di ciascuno di noi davanti al tu della persona amata.
Uno può dire: "Tu" con tutta la vibrazione che l'essere della persona amata provoca in lui. E che ribellione sentirebbe se qualcuno - a cui manca questa familiarità - volesse ridurre quella vibrazione a una operazione mentale, a una complicazione! 
E' come vedere la persona amata ridotta dallo sguardo freddo di un altro.
Ma se noi non seguiamo Giussani fino a questo punto, tutto diventerà di nuovo piatto, malgrado tutti i nostri commenti, perché non acquisteremo quella familiarità con un uso della ragione in grado di farci aderire veramente al reale e di impedirci di continuare a fluttuare nei nostri stati d'animo" (Carrón - GIA - dal punto 3:L'io dipendente)


Questa è la sfida che abbiamo davanti: dobbiamo avere il coraggio di imparare a guardare il reale con occhi nuovi, senza avere il problema di adeguarci ai soliti modi.
Il quartino "La crisi sfida per un cambiamento" è un'occasione per avere sempre più consapevolezza della nostra esperienza e di che cosa ci può far essere una presenza incidente
E' un documento che ci testimonia cosa voglia dire accettare il rapporto con il reale come provocazione della ragione e dell'affezione. Tentativo della nostra libertà che gioca quello che si è con quello che si ha davanti.

Di seguiti è possibile scaricare il volantino in formato .pdf

Video

Newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter

Link utili

logo_cdo_bottom
Via Tolemaide, 146 47922 - Rimini

Sede operativa Rimini
Tel. +39 0541.740711
Fax +39 0541.747028
segreteria@cdoagroalimentare.it
© Compagnia delle Opere Agroalimentare - Piva 02542771205 - Privacy policy - Cookie policy - Siti internet by Pianetaitalia.com